In Italia sono attualmente vietati in pagamenti in contanti pari o superiori a mille euro. Questa è la regola cardine del Decreto SalvaItalia n. 201/2011, convertito in Legge il 22 Dicembre 2011 n. 214 e pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 300 del 27 Dicembre 2011. Negli ultimi anni si è cercato di ridurre drasticamente la soglia massima al di sopra della quale vietare i pagamenti in contanti al fine di contrastare il riciclaggio di proventi di attività criminose e favorire la tracciabilità dei pagamenti, auspicando l’utilizzo di strumenti come i bonifici, i bancomat e le carte di credito, efficaci nella lotta contro l’evasione fiscale.

Questa è stata l'evoluzione nel tempo della normativa e dei limiti via via introdotti:

Articolo 49, Dlgs 231/2007    dal 30.04.2008    da 12.500,00    a  5.000,00

Articolo 32, Dl 112/2008        dal 25.06.2008    da 5.000,00      a 12.500,00

Articolo 20, Dl 78/2010          dal 31.05.2010    da 12.500,00    a  5.000,00

Articolo 2, Dl 138/2011          dal 13.08.2011    da 5.000,00      a  2.500,00

Articolo 12, Dl 201/2011         dal 06.12.2011    da 2.500,00      a  1.000,00
 
Le limitazioni prevedono:


1)    Il divieto di trasferimento, anche frazionato, di contanti o titoli/libretti al portatore (in euro o in valuta estera) eseguito tra soggetti diversi, a qualsiasi titolo pari o superiori a 1.000,00 euro;
2)    Tutti gli assegni postali, bancari e circolari compresi i vaglia postali e cambiari, di importo pari o superiore alla soglia consentita, hanno l’obbligo di indicare il nome e la ragione sociale del beneficiario e la clausola di non trasferibilità;
3)    Limite al saldo dei libretti di deposito bancari/postali al portatore, con l’obbligo di riduzione dell’importo fino alla soglia consentita prima dell’estinzione.

Le violazioni prevedono sanzioni amministrative pecuniarie che vanno dall’1% al 40% dell’importo incriminato.
Si sottilinea come tale limitazioni non trovano applicazioni nei casi di versamento e prelevamento di soldi dai propri conti correnti.

Articolo redatto da Francesco Cacchiarelli 19-08-2015