Salve sono l'amministratore di una piccola azienda e da poco mi è stato rifiutato un finanziamento dalla banca motivato dalla presenza di sofferenze nella "Centrale Rischi". Potreste per favore fornirmi maggiori informazioni circa la "Centrale Rischi" e le sofferenze?

Buongiorno, la Banca d'Italia definisce la Centrale dei Rischi (CR) "un sistema informativo sull'indebitamento della clientela verso le banche e le società finanziarie (intermediari)". Gli intermediari finanziari comunicano mensilmente alla Banca d'Italia il totale dei crediti verso i propri clienti: i crediti pari o superiori a 30.000 euro e i crediti in sofferenza di qualunque importo.

Si parla di sofferenza, invece, quando il cliente è valutato in stato di insolvenza (cioè irreversibilmente incapace di saldare il proprio debito) anche se questo non è stato accertato in sede giudiziaria. La classificazione a sofferenza è il risultato della valutazione della situazione finanziaria complessiva del cliente da parte della banca o dell'intermediario finanziario.
La segnalazione di “sofferenza” non può scaturire automaticamente anche da un semplice ritardo del cliente nei pagamenti all'intermediario, ma può deriva eslusivamente da una valutazione della situazione finanziaria complessiva del cliente da parte dell'intermediario.
 
Clicca qui per scaricare i moduli di richiesta di accesso alla propria posizione nella Centrale Rischi della Banca d'Italia
 
Clicca qui per scaricare il modulo per richiedere la verifica dei tuoi dati alla CRIF

La risposta al presente quesito è stata elaborata da Francesco Cacchiarelli e Riccardo Cerulli