I parafarmaci sono detraibili?

In base alla Risoluzione dell'Agenzia delle Entrate 22 ottobre 2008, n. 396, i parafarmaci non possono beneficiare della detrazione fiscale del 19%, in quanto non qualificati come "medicinali" (o farmaci) dall'Agenzia italiana del farmaco (Aifa).
A titolo di esempio, si considerano parafarmaci:
  • colliri
  • pomate
  • cerotti
  • garze
Un suggerimento pratico per distinguere un farmaco da un altro prodotto è quello di osservare il codice Minisan presente sotto il codice a barre: se tale codice inizia con “ AO ”, il prodotto è un farmaco.

Risposta al quesito redatta il 09.06.2010 da Riccardo Cerulli - Webmaster tusciafisco.it

Contatti: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.