Modello e istruzioni IVA 74 bis 2014
 
Download (.pdf):
Scheda informativa
I curatori o i commissari liquidatori, entro quattro mesi dalla data di nomina, devono presentare una dichiarazione ai fini Iva relativa alle operazioni effettuate nella frazione dell’anno precedente alla dichiarazione di fallimento o di liquidazione coatta amministrativa, utilizzando il modello Iva 74 bis.
Con questa dichiarazione, si informa l’ufficio dell’Agenzia delle Entrate sulla posizione debitoria o creditoria ai fini Iva alla data di fallimento.
I curatori fallimentari o i commissari liquidatori devono, inoltre, presentare la dichiarazione annuale relativa a tutto l’anno d’imposta, costituita da due moduli:
  • il primo, per le operazioni registrate nella parte di anno solare anteriore alla dichiarazione di fallimento o di liquidazione coatta
  • il secondo per le operazioni registrate successivamente a queste date.
Attenzione: Il modello Iva 74-bis non rappresenta una vera e propria dichiarazione; quindi non è possibile chiedere il rimborso dell’Iva eventualmente risultante a credito.
Come e quando si presenta
Il modello Iva 74-bis deve essere presentato dai curatori o dai commissari liquidatori, entro quattro mesi dalla data di nomina.
Il modello va presentato solo e esclusivamente in via telematica, direttamente o tramite intermediari abilitati a Entratel (professionisti, associazioni di categoria, caf, ecc. indicati all’articolo 3, commi 2-bis e 3 del Dpr 27 luglio 1998, n. 322).
Se il termine sopra indicato cade di sabato o in un giorno festivo, è prorogato al primo giorno feriale successivo.
Il curatore o il commissario liquidatore deve conservare copia della dichiarazione.
I dati contabili devono riferirsi alle operazioni effettuate nella parte dell’anno solare anteriore alla dichiarazione di fallimento o alla dichiarazione di liquidazione coatta amministrativa.
 
Fonte: sito web Agenzia delle Entrate