Partecipazione qualificata srl

Spettabile Tusciafisco, sono un socio di una S.r.l. non quotata - con una quota sociale del 20%. Nell’atto costitutivo è stata stabilita una quota di partecipazione agli utili diversa dalla quota sociale e pari al 30%. La mia partecipazione è qualificata o non qualificata ?

A parere dello scrivente la sua partecipazione è da considerarsi come non qualificata. Al riguardo si riporta quanto precisato dall’Agenzia delle Entrate con la circolare n. 52/E del 10/12/2004, punto 2.2.1:  “ … Si osserva inoltre, con riferimento alla società a responsabilità limitata, che l'articolo 2468, comma 3, del codice civile consente che, nell'atto costitutivo delle S.r.l., siano attribuiti a singoli soci particolari diritti amministrativi riguardanti l'amministrazione della società o la distribuzione degli utili. Sulla base di tale previsione, quindi, sono possibili clausole contrattuali che riservino a uno o più soci percentuali degli utili disancorate dalla misura della partecipazione, oltre che - per quanto attiene ai particolari diritti amministrativi – la possibilità di nomina degli amministratori o di veto su determinati atti gestori. Anche in tal caso, nonostante i diritti di voto potrebbero non essere proporzionali al capitale posseduto e al diritto agli utili, si ritiene che si debba fare riferimento alla percentuale di capitale sociale o di diritti di voto esercitabili nell'assemblea ordinaria assicurati dalla partecipazione ceduta .......”


Risposta al quesito redatta il 09.03.2012 da Francesco Cacchiarelli - Webmaster tusciafisco.it

Contatti: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.