Al mondo di sicuro ci sono solo la morte e le tasse, attribuita a Benjamin Franklin. Le scadenze fiscali divise per mese, l'agenda sempre aggiornata per non dimenticare mai niente, fonte Agenzia delle Entrate. Si ricorda che le scadenze possono essere oggetto di proroghe e modifiche e che se il giorno di scadenza cade di sabato o in un giorno festivo la scadenza è rinviata al primo giorno non festivo.

Clicca qui per scaricare le scadenze aggiornata maggio 2017

Clicca qui per scaricare le scadenze aggiornate aprile 2017

Clicca qui per scaricare le scadenze aggiornate marzo 2017

Clicca qui per scaricare le scadenze aggiornate febbraio 2017

Clicca qui per scaricare le scadenze aggiornate gennaio 2017

 

TAG:

 

Clicca qui per scaricare le scadenze aggiornate dicembre 2016

L’anno fiscale 2017 si preannuncia denso di novità ed ulteriori impegni se verranno confermate le disposizioni contenute nella Legge di bilancio.
 
Le principali novità fiscali sono le seguenti:

28 febbraio 2017: Presentazione della dichiarazione annuale dell’IVA che esce così dal modello Unico
 
31 marzo 2017: Consegna delle Certificazioni Uniche ai professionisti, pensionati e dipendenti (fino al 2016 doveva avvenire invece entro il 28 febbraio)
 
31 marzo 2017: Rottamazione cartelle esattoriali modello DA1 e DA2
 

31 maggio 2017: Comunicazione liquidazione periodiche IVA relativa ai mesi di gennaio, febbraio e marzo o del I trimestre 2017

 

Gli agenti ed i rappresentanti di commercio sono tenuti al versamento dei contributi previdenziali all’ENASARCO, l’Ente Nazionale di Assistenza per gli Agenti ed i Rappresentanti di Commercio.
L’effettivo versamento avviene da parte della ditta preponente, che è responsabile anche per la parte a carico dell’agente.
I massimali provvigionali non sono frazionabili in rapporto all’anno. Gli agenti plurimandatari potranno raggiungere il valore del massimale tante volte quante sono le aziende rappresentate preponenti nel rapporto di agenzia.

SCADENZE DEI VERSAMENTI ENASARCO
Le scadenze di versamento cadono il 20 del secondo mese successivo al trimestre di competenza. Pertanto, si avrà :
 
  • per il trimestre gennaio - marzo       la scadenza è il 20 maggio;

  • per il trimestre aprile - giugno         la scadenza è il 20 agosto;

  • per il trimestre luglio - settembre     la scadenza è il 20 novembre;

  • per il trimestre ottobre - dicembre   la scadenza è il 20 febbraio dell’anno successivo.

Si ricorda che in tutti i casi in cui il termine di pagamento cade di sabato o in un giorno festivo, detto termine è prorogato al primo giorno lavorativo successivo.

ELENCO DELLE PRINCIPALI SCADENZE FISCALI DEL 16 MARZO:

IVA MENSILE FEBBRAIO

Liquidazione e versamento dell'IVA relativa al mese precedente da parte dei contribuenti IVA mensili mediante Modello F24 online
Codice tributo: 6002 - Versamento IVA mensile febbraio
Per visualizzare le istruzioni per la compilazione del modello F24 cliccare sul relativo Codice tributo.

IVA ANNUALE
Pagamento in unica soluzione o come prima rata con Modello F24 online, dell'IVA risultante dalla dichiarazione annuale senza maggiorazione degli interessi.
Codice tributo: 6099 - Versamento Iva sulla base della dichiarazione annuale

Per visualizzare le istruzioni per la compilazione del modello F24 cliccare sul relativo Codice tributo.
 

TASSA ANNUALE VIDIMAZIONE LIBRI SOCIALI
Pagamento con F24 della tassa annuale di CC.GG. per la numerazione e bollatura dei registri e libri sociali in misura forfetaria da effettuare dalle
società di capitali.
Codice tributo: 7085 - Tassa annuale vidimazione libri sociali

Scadenze contributi INPS artigiani e commercianti.

I contributi devono essere versati alle scadenze che seguono:
A. per il versamento delle quattro rate dei contributi dovuti sul minimale di reddito:
  • 16 maggio
  • 20 agosto
  • 16 novembre 
  • 16 febbraio
B. contributi dovuti sulla quota di reddito eccedente il minimale, a titolo di saldo, primo acconto e secondo acconto entro i termini per il versamento dell'imposta sui redditi delle persone fisiche.
Dopo aver già archiviato l'invio della certificazione unica e la dichiarazione annuale dell'IVA, i soggetti passivi IVA devono effettuare nel mese di aprile, l’invio della comunicazione annuale delle operazioni rilevanti ai fini IVA registrate nell’anno 2016 (ex elenco clienti e fornitori). Più precisamente i contribuenti IVA mensili dovranno effettuare l’invio dello spesometro  annuale 2016 entro il 10 aprile. Tutti gli altri lo dovranno inviare entro il 20 aprile.

Allert: la periodicità della liquidazione IVA va verificata nell’anno in cui viene effettuata la trasmissione del modello, ad esempio: un soggetto trimestrale nel 2016 e mensile nel 2017 dovrà trasmettere la comunicazione entro il 10 aprile 2017.

La presentazione va effettuata esclusivamente per via telematica direttamente o tramite un intermediario abilitato.
 
Scarica gratuitamente il modello e le istruzioni del modello di comunicazione polivante.
 
Cerca documenti e articoli interessanti e gratuiti dell':
 

Area fiscale

Area aziendale

Area legale

La proroga di Ferragosto. Con la legge n. 44 del 26 aprile 2012, di conversione del D.L. n. 16 del 02.03.2012, c.d. “Decreto sulle semplificazioni fiscali" è stato stabilizzato lo slittamento dei termini relativi ai versamenti ed altri adempimenti fiscali, contributi Inps e altre somme a favore di Stato, Regioni ed enti previdenziali,in scadenza tra il 1° ed il 20 agosto. Generalmente una norma prevedeva ogni anno lo slittamento dei termini, ma con l’introduzione della nuova legge, ogni adempimento previsto tra il 1° ed il 20 agosto potrà essere "stabilmente" adempiuto senza maggiorazione entro il 20 agosto.
Si rammenta che sono altresì prorogati al 20 agosto anche i termini per effettuare il ravvedimento operoso che scadono nel periodo dal 1° al 20 agosto.

Durante le feste natalizie e comunque entro e non oltre il 28 dicembre 2015 andrà pagato l’acconto IVA.
L’adempimento riguarda quasi tutti i soggetti IVA ad esclusione ad esempio:
  • degli agricoltori esonerati
  • dei comuni
  • dei contribuenti che adottano il regime dei “minimi
  • i contribuenti mensili che hanno cessato l’attività entro il 30/11 o i trimestrali che hanno chiuso entro il 30/09.
Non sono poi tenuti al pagamento tutti i soggetti per i quali l’importo dovuto non supera i 103,29 euro.
Per calcolare l’acconto Iva si possono usare tre diversi criteri di calcolo: