Il codice da indicare nel modello F24 per il versamento della Tasi sull'abitazione principale e le relative pertinenze è 3958.
Quando versare questa nuova imposta è un vero rebus. Si consideri che di solito per il 2014 la tasi colpirà l'abitazione principale e gli altri immobili invece pagheranno l'IMU.
 
Clicca qui per scaricare un esempio di compilazione del modello F24
 
Clicca qui per scaricare la risoluzione n. 46 del 24 aprile 2014
 
Clicca qui per scaricare il bollettino di conto corrente postale
 
Clicca qui per scaricare un elenco esemplificativo di domande e risposte in materia di Tasi
Acconto IVA contribuenti trimestrali, codice tributo 6035, da pagare entro il 29 dicembre.
L'acconto risulta non dovuto qualora l'importo sia inferiore a 103,29 euro.


Esempio di compilazione del modello F24
Codice tributo 3918 - denominato: "IMU - imposta municipale propria per gli altri fabbricati – quota per il COMUNE"

Esempio compilazione modello F24
 
 
Versamento IVA mensile di novembre, codice tributo 6011, da pagare entro il 16 dicembre.

Clicca qui per scaricare un esempio di compilazione del modello F24

 
Cos'è il codice tributo 1712 ? E' il codice tributo per versare l'acconto dell'imposta sostitutiva sui redditi derivanti dalle rivalutazioni del trattamento di fine rapporto versata dal sostituto di imposta.

Scritture contabili:
Dare) Erario c/acc. imp. sost. TFR             Avere) Banca  

Clicca qui per scaricare un esempio di compilazione del modello F24

 
 
Art. 2120 - Disciplina del trattamento di fine rapporto
In ogni caso di cessazione del rapporto di lavoro subordinato, il prestatore di lavoro ha diritto ad un trattamento di fine rapporto. Tale trattamento si calcola sommando per ciascun anno di servizio una quota pari e comunque non superiore all'importo della retribuzione dovuta per l'anno stesso divisa per 13,5. La quota è proporzionalmente ridotta per le frazioni di anno, computandosi come mese intero le frazioni di mese uguali o superiori a 15 giorni.
Salvo diversa previsione dei contratti collettivi la retribuzione annua, ai fini del comma precedente, comprende tutte le somme, compreso l'equivalente delle prestazioni in natura, corrisposte in dipendenza del rapporto di lavoro, a titolo non occasionale e con esclusione di quanto è corrisposto a titolo di rimborso spese.
In caso di sospensione della prestazione di lavoro nel corso dell'anno per una delle cause di cui all'articolo 2110, nonché in caso di sospensione totale o parziale per la quale sia prevista l'integrazione salariale, deve essere computato nella retribuzione di cui al primo comma l'equivalente della retribuzione a cui il lavoratore avrebbe avuto diritto in caso di normale svolgimento del rapporto di lavoro.
Il trattamento di cui al precedente primo comma, con esclusione della quota maturata nell'anno, è incrementato, su base composta, al 31 dicembre di ogni anno, con l'applicazione di un tasso costituito dall'1,5 per cento in misura fissa e dal 75 per cento dell'aumento dell'indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati, accertato dall'ISTAT, rispetto al mese di dicembre dell'anno precedente.
Ai fini della applicazione del tasso di rivalutazione di cui al comma precedente per frazioni di anno, l'incremento dell'indice ISTAT è quello risultante nel mese di cessazione del rapporto di lavoro rispetto a quello di dicembre dell'anno precedente. Le frazioni di mese uguali o superiori a quindici giorni si computano come mese intero.
Il prestatore di lavoro, con almeno otto anni di servizio presso le stesso datore di lavoro, può chiedere, in costanza di rapporto di lavoro, una anticipazione non superiore al 70 per cento sul trattamento cui avrebbe diritto nel caso di cessazione del rapporto alla data della richiesta.
Le richieste sono soddisfatte annualmente entro i limiti del 10 per cento degli aventi titolo, di cui al precedente comma, e comunque del 4 per cento del numero totale dei dipendenti.
La richiesta deve essere giustificata dalla necessità di:
a) eventuali spese sanitarie per terapie e interventi straordinari riconosciuti dalle competenti strutture pubbliche;
b) acquisto della prima casa di abitazione per sé o per i figli, documentato con atto notarile (1).
L'anticipazione può essere ottenuta una sola volta nel corso del rapporto di lavoro e viene detratta, a tutti gli effetti, dal trattamento di fine rapporto.
Nell'ipotesi di cui all'articolo 2122 la stessa anticipazione è detratta dall'indennità prevista dalla norma medesima.
Condizioni di miglior favore possono essere previste dai contratti collettivi o da atti individuali. I contratti collettivi possono altresì stabilire criteri di priorità per l'accoglimento delle richieste di anticipazione.
(1) Dichiarata illegittimità di questa lettera, dalla Corte Costituzionale con sentenza n. 142 del 5 aprile 1991, nella parte in cui non prevede la possibilità di concessione dell’anticipazione in ipotesi di acquisto “in itinere” comprovato con mezzi idonei a dimostrare l’effettività.
Clicca qui per scaricare un esempio di compilazione del modello F24 dell'acconto Irpef in scadenza il 30 novembre prorogate a lunedì 01 dicembre 2014.
Per pagare la Tasi i codici tributo da indicare sono:
 
"3958" per l'abitazione principale e relative pertinenze
"3961" per gli altri fabbricati
"3959" per i fabbricati rurali ad uso strumentale
"3960" per le aree edificabili
 
La parte del modello F24 dove indicare i codici tributo è la sezione "Imu e altri tributi locali".
Nello spazio "codice ente/codice comune" dovete scrivere il codice catastale del Comune ove sorge l'immobile.
Scrivete l'anno d'imposta nello spazio "Anno di riferimento", poi barrate lo spazio "Acc" se il pagamento si riferisce all'acconto, lo spazio "Saldo" se il pagamento si riferisce al saldo.

Per l'Imu si utilizzano invece i seguenti codici tributo:
"3918" immobili diversi dalla prima casa
"3913" fabbricati rurali ad uso strumentale
"3914" terreni
"3916" aree fabbricabili
"3925" immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D

 

Codice tributo per il pagamento delle sanzioni pecuniarie per altre violazioni tributarie relative alle imposte sui redditi, alle imposte sostitutive, all'Irap e all'Iva dovute in caso di ravvedimento operoso ad esempio di una tardiva presentazione della dichiarazione dei redditi o di un modello F24 a zero.

Clicca qui per scaricare un esempio di compilazione del modello F24
 
Scadenzario fiscale annuale
Dossier ravvedimento operoso
Speciale dichiarazione dei redditi
Formulari e modulistica gratuita
 

 
feed-image Feed Entries