Per scaricare un modello di lettera di disdetta contratto di affitto in formato editabile clicca qui
Si rammenta che per le cessioni, proroghe e risoluzioni di contratti registrati, gli interessati (locatore e conduttore) devono versare l’imposta dovuta, con il modello F24 Elide, entro 30 giorni e, nei successivi 20, presentare l’attestato di versamento all’ufficio dove era stato presentato il contratto.
 
Clicca qui per scaricare un fac simile di verbale di riconsegna dell'immobile.
 
Pagamento tardivo assegno. Per i soli assegni senza provvista, l'art. 8 della L. 386/90 consente il pagamento dell'assegno emesso dopo la scadenza del termine di presentazione (c.d. pagamento tardivo), il quale può essere eseguito o nelle mani del portatore del titolo o nelle mani del pubblico ufficiale che ha elevato il protesto (o ha reso la constatazione equivalente), o presso lo stabilimento della banca trattaria mediante un deposito infruttifero vincolato al portatore del titolo. In tali casi, la sanzione amministrativa non si applica se:

Schema dichiarazione liberatoria. Clicca qui per scaricare quattro fac simile:
  • Esempio 1: Dichiarazione Liberatoria
  • Esempio 2: Schema di dichiarazione liberatoria del fornitore
  • Esempio 3: Bozza di quietanza liberatoria
  • Esempio 4: Dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà pagamento tardivo di un assegno (art. 21 e 47 D.P.R. 445/2000)
 
Potrebbe anche interessarti:
 
OGGETTO: COMPENSAZIONE VOLONTARIA DI CREDITI E DEBITI TRA
 
— (cognome e nome)………………........…, nato a…......…..…., il……..….., residente in ………………, via ……....………….,  n. ……, cod. fisc …..………....................,
e
— (cognome e nome)……........……………, nato a……..…........, il……..….., residente in ………………, via ………………...., n. ……, cod. fisc ……….......................,
 
PREMESSO CHE
 
il sig ………………….…..è titolare di un credito di euro …………….., con scadenza il…………., nei confronti del sig ……………………, derivante da ………………………………., e che
 
il sig ……………….....… è titolare a  sua volta di un credito di euro ………………….., con scadenza il……….,  nei confronti del Sig ……………………, derivante da ………………….
Modulo domanda di assegno per il nucleo familiare dei lavoratori dipendenti, modello INPS ANF/DIP cod. SR16. Clicca qui.

L’assegno al nucleo familiare (A.N.F.) costituisce un sostegno per le famiglie dei lavoratori dipendenti e dei pensionati da lavoro dipendente, i cui nuclei familiari siano composti da più persone e che abbiano redditi inferiori a quelli determinati ogni anno dalla Legge.

Il riconoscimento e la determinazione dell’importo dell’A.N.F., vengono effettuati tenendo conto della composizione e del reddito complessivo del nucleo familiare. La domanda di rideterminazione dell’assegno al nucleo familiare con decorrenza 1° luglio di ogni anno, deve essere presentata all’Ufficio responsabile del trattamento economico.

Entro il 31 marzo 2017 (novità), i sostituiti d’imposta che hanno corrisposto nel 2016 compensi a lavoratori dipendenti, autonomi, professionisti o corrisposto provvigioni ad agenti e rappresentati di commercio sono obbligati alla consegna delle certificazioni delle ritenute d’acconto versate ai sostituiti.
La certificazione delle ritenute - che fino all'anno 2014 poteva redigersi in forma libera - deve dal 2015, essere "riportata" sul modello di Certificazione Unica "CU" ufficiale che dovrà essere trasmesso telematicamente all'Agenzia delle Entrate entro il sette marzo 2017; attenzione quest'anno l'invio precede quindi la consegna della certificazione unica.
 
La certificazione è quanto mai necessaria ai soggetti che hanno subito le ritenute, in quanto costituisce titolo per scomputare l’importo di queste dall’imposta lorda dovuta sul reddito. Nell’art. 22, c. 1, lett. c), del TUIR viene stabilito che “dall’imposta lorda si scomputano le ritenute alla fonte a titolo di acconto operate, anteriormente alla presentazione della dichiarazione dei redditi, sui redditi che concorrono a formare il reddito complessivo e su quelli tassati separatamente”.
 
Sanzioni 2016 previste:
Certificazione unica omessa, errata o tardiva: sanzione di 100 euro, con un tetto massimo per ciascun sostituto di imposta pari a 50mila euro;
CU inviata entro il 7 marzo e poi corretta e ritrasmessa nei successivi cinque giorni: nessuna sanzione;
CU inviata entro il sette marzo e successivamente corretta e ritrasmessa entro i successivi 60 giorni: sanzione ridotta ad euro 33,33.
 

Clicca qui per scaricare i modelli e le istruzioni ufficiali della CU 2017 

 

Fac simile modello certificazione ritenuta di acconto:

 

feed-image Feed Entries